Banche: nel primo semestre rapine -14%, bottino medio -10,5%

Tempi duri per gli Arsenio Lupin e i John Dillinger del Belpaese. Nei primi sei mesi dell'anno, ha reso noto l'Abi, sono calate le rapine in banca ed è diminuito anche il bottino complessivo. Friuli Venezia Giulia e Valle D'Aosta le regioni più virtuose, male Lazio, Campania e Piemonte. Lo studio, condotto da Ossif, il Centro di ricerca Abi in materia di sicurezza, è stato presentato oggi all'incontro col ministro dell'Interno, Roberto Maroni, dedicato ai temi della sicurezza in banca. Da inizio anno, si legge nel report, sono stati 758 i colpi allo sportello, con un calo del 14 per cento rispetto agli 883 registrati nello stesso periodo del 2009. La diminuzione conferma il trend positivo già registrato lo scorso anno (-19 per cento) e riguarda anche il cosiddetto indice di rischio, cioè il numero di rapine ogni 100 sportelli in Italia, che è passato da 5,1 a 4,5 il valore più basso registrato negli ultimi venti anni. Sempre magro anche il bottino medio per rapina che, con circa 24 mila euro, si mantiene su livelli tra i più bassi degli ultimi dieci anni. Diminuisce, infine, anche il bottino complessivo pari a 18 milioni di euro nei primi sei mesi del 2010, il 10,5 per cento in meno dell'anno precedente (20,4 milioni).