Bancomat, con il cellulare clonavano carte di credito

Un microtelefono cellulare al posto delle telecamere, per clonare i codici bancomat. Il sofisticato apparecchio era stato montato in una postazione bancomat tra corso Vittorio e Largo Argentina. Il congegno sequestrato dalla polizia era composto non solo dal noto skimmer, l’apparecchio per clonare i codici, ma anche, ed è questa la novità, da un microtelefono cellulare nascosto nel sistema che sostituisce le microtelecamere.Il cellulare era collegato alla tastiera del bancomat. Digitando il codice, i numeri venivano passati al telefono, a sua volta collegato a un computer cui trasmetteva le informazioni. Un meccanismo, quello scoperto dagli agenti che sembra non offrire alcuna possibilità di difesa al cittadino.