Banconote false, Corona arrestato

Dopo l'inseguimento della polizia dalla Bentley di Corona è stato gettato via un sacchetto contenente 20 banconote false da 100 euro. Secondo indiscrezioni altri soldi falsi sarebbero stati trovati nell'abitazione milanese del fotografo

Orvieto - Il fotografo dei Vip Fabrizio Corona è stato arrestato per detenzione di denaro falso. Le banconote fasulle sarebbero anche state spese. Anche gli altri due giovani che erano con lui sono stati arrestati. Di loro gli investigatori hanno reso noto solo le iniziali: F.F., 23 anni, originario di Firenze, seduto al posto del passeggero nella Bentley sulla quale viaggiava Corona, e B.T., 25 anni, di Udine, alla guida dell’auto. Corona si trovava invece sul sedile posteriore. Sono ancora in corso accertamenti per stabilire di chi fosse la vettura. I tre, che si trovano ancora nella caserma della polizia stradale, saranno rinchiusi nel carcere di Orvieto.

Fermato dalla Stradale Corona è stato fermato stamani dalla Polizia stradale di Orvieto mentre tentava di pagare, in un autogrill, con banconote false. A metterlo nei guai è stata una banconota da 100 euro, quella che è finita nelle mani del benzinaio di Badia al Pino per il pieno fatto alla Bentley. A consegnarla è stato uno dei due amici che era assieme a Corona, quello che stava guidando. L’episodio è avvenuto intorno alle 5.30.

Scoperto dal benzinaio L’addetto alle pompe di carburante si è subito accorto che quella banconota era falsa e lo ha detto a Corona e ai suoi amici. I tre, per risposta, hanno sgommato ed hanno lasciato l’area di servizio ad alta velocità. Il benzinaio ha immediatamente avvertito la polizia stradale di Battifolle: una pattuglia è arrivata nell’area di servizio, un’altra - che viaggiava in carreggiata nord - ha invertito la marcia e si è messa all’inseguimento della Bentley, mentre la segnalazione veniva data anche agli agenti della polizia stradale di Orvieto che hanno bloccato l’ auto poco prima del casello della città umbra. È stato a questo punto che i tre hanno lanciato fuori dall’auto un sacchetto di plastica che è andato a finire nello spazio che divide le carreggiate nord e sud ed è stato recuperato dagli agenti della polstrada di Battifolle: all’interno c’erano una ventina di banconote da 100 euro, tutte false.

Il legale "È tutto spiegabile, si tratta di banconote provenienti da pagamenti di altre persone che riteniamo di aver già individuato. In ogni caso si tratta di inezie, piccole cose che non creano nessun allarme per la posizione di Corona". Lo ha affermato Giuseppe Strano Tagliareni, legale di Corona, a proposito della vicenda del fotografo dei vip, trovato con banconote false. Per il momento il legale non è ancora riuscito a parlare con Corona.

Soldi falsi anche a casa Secondo indiscrezioni sarebbero state trovate altre banconote false, durante una perquisizione, anche nell’abitazione milanese di Corona.

Rinvio a giudizio Corona il 29 febbraio scorso è stato rinviato a giudizio nell’ambito dell’inchiesta vip, nella quale era rimasto coinvolto anche Lele Mora. Corona è accusato di estorsione e tentata estorsione ai danni di Francesco Coco, Marco Melandri, Lapo Elkann, il calciatore Adriano, Alberto Gilardino e l’imprenditore Gianluca Vacchi. Con la sua agenzia fotografica avrebbe proposto ad attori e calciatori di "ritirare" dal mercato fotografie compromettenti in cambio di denaro. Recentemente gli era stato offerto un ruolo in una fiction poliziesca: avrebbe dovuto interpretare la parte di un ispettore, ma la scelta aveva sollevato non poche polemiche. Soprattutto da parte dei sindacati di polizia.