Bande La notte dei regolamenti di conti in città Albanese gambizzato in un night, cinese pestato

Volevano essere sicuri di eseguire il «lavoro» nel migliore dei modi possibili, pertanto in tre o quattro, i testimoni sono incerti, mascherati e armati di pistole e fucili hanno raggiunto la vittima in un locale di «lap dance». Poi un solo colpo alla gamba, quindi la fuga. A terra è rimato un albanese di 25 anni che ovviamente ha detto alla polizia di non aver riconosciuto gli aggressori e di non avere idea del perché gli abbiano sparato.
L’incursione l’altra notte al New Venus Club di viale Certosa 119, un locale non certo per educande, ricavato in un seminterrato. In tre o quattro, i testimoni sono incerti, scendono i gradini armati e mascherati, si avvicinano al banco dove sta bevendo Dorian V., 25 anni, regolare, con residenza a Pogliano Milanese e alle spalle un solo piccolo precedente per ricettazione. Il gruppo di fuoco circonda l’obiettivo, un bandito lascia partire un solo colpo a bruciapelo al polpaccio sinistro. Di sicuro non volevano ucciderlo, altrimenti data la distanza non avrebbe sbagliato. Viene lanciato l’allarme, intervengono il 118, che porta il ferito al Fatebenefratelli, e le volanti, anche se gli agenti, al loro arrivano non trovano quasi nessuno. Tutti dileguati. Il proprietario del locale giura di non aver visto nulla, il ferito casca dalle nuvole, incerto anche il numero degli aggressori.
Qualche ora prima un’altra aggressione senza armi da fuoco ma non meno cruenta, in un locale in piena Chinatown. È da poco passata la mezzanotte, sei o sette avventori orientali, descritti tra i 20 e i 30 anni, sono seduti al tavolo di un bar di via Paolo Sarpi 58. Improvvisamente iniziano a litigare. Il proprietario interviene e riesce a convincere il gruppetto a uscire dal locale per spiegarsi. Cosa che effettivamente fanno. Ma appena sul marciapiede tutti insieme si scagliano contro uno. Un pestaggio rapido e selvaggio. Quando arrivano i poliziotti trovano solo la vittima barcollante e confuso per i colpi ricevuti. Anche lui finisce al Fatebenefratelli ma in condizioni tali che i medici invitano gli agenti a tornare il giorno dopo per interrogare la vittima. Ma ieri mattina quando i dottori passano per la visita, il giovane cinese è scomparso.