Bankitalia: nel 2006 ispezioni a quota 165

Roma. Nel 2006 la Banca d’Italia ha compiuto 165 accertamenti ispettivi su banche, con una durata media di 48 giorni ciascuna, mentre gli accertamenti nel primo trimestre di quest’anno sono stati 43. I dati sono contenuti nella relazione sull’attività 2006 dell’istituto centrale, trasmessa nei giorni scorsi al Parlamento, così come richiesto dalla legge sul rispamio. Complessivamente, Bankitalia ha effettuato l’anno scorso 857 interventi di vigilanza sotto forma di lettere di richiamo o di audizioni di esponenti aziendali, che hanno riguardato 454 banche (oltre il 57% dei soggetti vigilati). Nei confronti degli altri intermediari finanziari sono stati effettuati 199 richiami formali e 132 audizioni di esponenti aziendali. Per quanto riguarda la specifica attività di verifica sulle norme riguardanti la trasparenza e la correttezza dei rapporti tra banca e clienti, sono stati effettuati interventi presso 1.040 dipendenze di 176 banche, ai quali vanno aggiunte indagini ispettive su 118 sportelli di Poste Italiane. La relazione non riguarda solo l’attività di vigilanza, ma tutte le funzioni istituzionali della banca, dalle gestione del sistema dei pagamenti alla stampa delle banconote in euro (1.170 milioni di pezzi stampati nel 2006).