Bankitalia, nominati i capi della nuova Vigilanza

Salza cerca nuove alleanze nell’ente In Borsa gli immobili di Immit

da Roma

La nuova Vigilanza di Bankitalia si completa con nomi e cognomi. Il governatore Mario Draghi ha infatti nominato i responsabili delle nuove «unità» in cui il riassetto ha suddiviso l’area di Vigilanza bancaria e finanziaria, guidata da Anna Maria Tarantola. Ma non solo: Draghi ha anche nominato funzionari generali - il grado più elevato in via Nazionale, fatti salvi i componenti del direttorio - Carlo Pisanti e Claudio Clemente. Pisanti, attualmente capo del servizio vigilanza sull’intermediazione finanziaria, diventa responsabile dell’Area circolazione monetaria. Mentre Clemente, finora capo della Vigilanza sugli enti creditizi, verrà preposto, con la qualifica di Ragioniere generale, all’Area bilancio e controllo.
I responsabili delle nuove unità di vigilanza sono: Luigi Signorini (normativa e politiche di vigilanza); Giuseppe Boccuzzi (rapporti esterni e affari generali); Stefano Mieli (supervisione gruppi bancari); Roberto Rinaldi (intermediari specializzati); Marcello Morelli (ispettorato vigilanza); Maurizio Trifilidis (coordinamento e collegamento filiali); Gabriella Raitano, infine, alla segreteria del Cicr. Tutte le nomine saranno operative dal primo agosto, quando entrerà in attuazione la riforma dell’intera area Vigilanza.
Ieri, intanto - ricorda una nota di Bankitalia - la piazza finanziaria italiana ha avviato con successo l’utilizzo di Target2, il nuovo sistema europeo per il regolamento delle transazioni interbancarie.