Bankitalia, ora Draghi promuove la manovra: "E' credibile un pareggio di bilancio nel 2014"

Il
governatore della Banca d’Italia respinge i timori dei mercati sulle
condizioni dei conti pubblici italiani: "Passo importante per
il consolidamento dei conti pubblici". E promuove le misure del governo: "Avvio di una tendenza al calo del rapporto tra il debito e il pil"

Aix En Provence - "La manovra decisa dal governo come detto ieri dal presidente Bce Trichet costituisce un passo importante per il consolidamento dei conti pubblici". A margine dei Rencontres economiques, il governatore della Banca d’Italia Mario Draghi respinge i timori dei mercati sulle condizioni dei conti pubblici italiani e promuove il decreto varato dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti e firmato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: "L’anticipo delle misure rende credibili il pareggio del bilancio nel 2014 e l’avvio di una tendenza al calo del rapporto tra il debito e il pil".

La situazione delle banche italiane "In Italia l’espansione del credito, in atto da mesi, è superiore a quella del resto dell’area dell’euro e sosterrà i ricavi delle banche", afferma il governatore della Banca d’Italia ricordando che la crescita del credito procede a un tasso del 6,7%. "Sono certo - continua Draghi - sulla base delle nostre analisi che gli intermediari italiani supereranno con un margine significativo gli stress test in corso in sede europea i cui risultati saranno diffusi la settimana prossima".