«Banolada» I tifosi rossoblù sabato allo stadio con i fazzoletti bianchi

Il danno oltre la beffa. Non solo il rigore regalato a Del Piero, ma anche le bombe carta lanciate dai tifosi juventini verso il settore dei sostenitori genoani. Quello che appare davvero incredibile è che per la seconda volta a Torino accadono queste situazioni pericolose ed incresciose.
E nessuno fa nulla. «Dopo il comportamento di Del Piero credo che la lealtà sportiva non esista più». Così il patron Preziosi intervistato da Sky Sport. «Resta un grande campione, ma poteva aiutare l'arbitro ammettendo che non c'era il penalty. Se Mazzoleni non ha visto mi chiedo dove fosse il guardalinee. Purtroppo siamo stati penalizzati quando avevamo quasi conquistato un punto prezioso visto le tante defezioni».
Ed allora cerchiamo di vedere ugualmente il bicchiere mezzo pieno. Oltre alla straordinaria prestazione di capitan Rossi, va segnalato l'esordio in Serie A di Alexsic ed il secondo gettone nella massima serie del talentino savonese El Shaarawy. Il giovane cresciuto nella giovanili rossoblù ha dimostrato di avere grandissime potenzialità gettandosi nella mischia senza paura.
Intanto i tifosi rossoblù per sabato contro l'Udinese hanno in mente un'iniziativa di protesta civile contro gli arbitri. Copiando i tifosi spagnoli porteranno alla stadio una moltitudine di fazzoletti bianchi da sventolare. La «banolada» è usata in terra iberica per le corride statiche.
La squadra riprende con una doppia seduta dove saranno valutati gli infortunati.