«Barack ci libererà dal potere sionista»

Washington. Il reverendo Jesse Jackson secondo il «New York Post», avrebbe fatto dichiarazioni imbarazzanti per la campagna del candidato democratico. Avrebbe detto che, in caso di vittoria di Barack Obama, gli Stati Uniti si libereranno del controllo «sionista», che per «decenni» ha condizionato la politica americana. Intervenuto al World Policy Forum, in Francia, il reverendo nero, punto di riferimento del movimento dei diritti civili, ha parlato di «cambiamenti fondamentali». Quello più grande sarebbe per lui in Medio Oriente, dove si metterebbe fine «a decenni in cui sono stati anteposti gli interessi di Israele».