Barbara De Rossi: gli devo tutto fui la sua Cicala

«Ho ancora negli occhi il ricordo di Alberto che con un fischietto al collo, come un arbitro, richiama gli attori sul set di Così come sei». Barbara De Rossi ricorda così il suo esordio nel mondo del cinema nel film diretto da Lattuada: una delle tante giovani ragazze lanciate dal regista. «Fu lui a parlare con mio padre e a convincerlo per il film. Era il presidente del concorso di bellezza che avevo vinto a 17 anni. Ad Alberto devo tutta la mia carriera». La De Rossi ricorda poi il suo secondo film con Lattuada: La Cicala. «È stato sicuramente un ruolo più impegnativo e anche più difficile. Ero la figlia di Virna Lisi che, a sua volta, aveva il ruolo della prostituta. Assieme a Clio Goldsmith risalivamo una cascata completamente nude. Il film fu sequestrato dal pretore dell'Aquila, ma poi fu un grande successo». Lattuada «aveva il culto della bellezza - conclude la De Rossi - ed era una persona dolcissima. Con le donne in particolare era molto attento. Nelle inquadrature cercava di far risaltare l'erotismo delle giovani donne e ho spesso sentito la sua forza nel valorizzare la femminilità».