Barberi e Raina record Howe sfiora Evangelisti

Due record italiani infranti, e il solito Andrew Howe che incanta il pubblico. Buone notizie per i colori azzurri dal meeting Iaaf di Rieti. Ieri pomeriggio sono caduti i primati dei 400 metri, femminile e maschile. Daniela Reina, pur classificandosi settima, ha stabilito il nuovo record, correndo in 51“18 e migliorando di 13 centesimi il precedente primato che apparteneva dal ’97 a Virna De Angeli. Poco dopo Andrea Barberi ha infranto il record maschile detenuto dal 1981 da Mauro Zuliani (45“26). Dopo averlo sfiorato l’8 agosto scorso nella semifinale dei Campionati europei di Goteborg, ieri l’azzurro ce l’ha fatta, con il tempo di 45“19, giungendo quarto nella gara vinta da Gary Kikaya, davanti a Brandon Simpson e Alleyne Francique. Nel salto in lungo, ancora spettacolo grazie ad Andrew Howe, cui però non è riuscita l’impresa, cui da tempo sta dando la caccia: stabilire il nuovo record italiano. Il neo campione europeo ha saltato 8,36, sua seconda migliore prestazione assoluta, a soli 7 centimetri da quell’8,43 stabilito da Giovanni Evangelisti. Misura che gli è comunque valsa la vittoria finale, davanti a Salim Sdiri e Issan Nima, e il successivo bagno di folla. Bene anche Andrea Longo, con la migliore prestazione italiana dell’anno negli 800: 1’44“86.