Barcellona Spagna come l’Italia Il Real sconfitto dà il titolo ai blaugrana

Un po’ come successo ai nerazzurri, anche il Barcellona festeggia il suo 19º titolo spagnolo standosene comodamente seduto sul divano. Il Real Madrid doveva per forza vincere nell’anticipo contro il Villarreal per mantenere accesa una flebile speranza: invece le merengues sono state sconfitte per 3-2, restando a otto punti di svantaggio con solo due partite da giocare. E allora è festa nella festa, aspettando il possibile tripudio di Roma. La squadra di Pep Guardiola infatti, dopo aver conquistato mercoledì scorso la Coppa del Re di Spagna, si era già concentrata sulla festa per la Liga. Alla vigilia della terzultima giornata, il grande vantaggio del Barça sui rivali del Real Madrid suonava già come una condanna e la partita di oggi con il Maiorca sarà l’inevitabile festa finale. Guardiola però non ha mai ammesso cali di tensione: ne è prova la multa che ha fatto dare a Xavi, Messi, Eto’o, Tourè Yaya, Gudjohnsen e Dani Alves per essersi presentati in leggero ritardo (pochi minuti) all’allenamento.
E anche per il prossimo anno Joan Laporta ha già messo in guardia il possibile avversario madrileno Florentino Perez: «Spero che non provi a prendere i nostri giocatori, sarebbe uno sforzo inutile». Intanto però dalla Spagna già rimbalzano le voci di una possibile partenza del fenomeno argentino Leo Messi. Solo mercato, dicono...