Bargnani ha le mani fredde L’Italia soffre con l’Austria

da Bormio

Nuvole valtellinesi nella prima giornata del trofeo Gianatti che vede cadere male la Turchia contro l’Australia e l’Italia soffrire più del dovuto contro l’Austria (38-34 a metà gara per le fiammate di Belinelli, 86-65 il finale). Tormenti normali della crescita per Azzurra, la nazionale di basket che lascia a sedere molti uomini sicuri del posto, tipo Basile, Galanda, Soragna, forse Bulleri, che non è mai sanissimo, Rocca che oggi sarà visitato a Roma, qualcuno che, come Hackett, potrebbe diventare il pilota a sorpresa, ma che fotografa facce per la cartolina dei saluti. Non è certo il caso di Bargnani, ancora pesce nell’acquario (2 su 8 al tiro nei 14’ iniziali), ma c’è gente che, come Mancinelli o Di Bella, sembra sul viale d’uscita, dove troverà colleghi come Maresca, Fantoni e Vitali che già sapevano di non poter andare troppo lontano. Resta invece da capire se Crosariol è davvero pronto. Stasera contro la Croazia scopriremo qualcosa di più, la contrada di Bormio è il posto migliore per faticare e capire cosa hanno in testa certi giocatori, mentre Gallinari cresce e Belinelli sembra davvero salito in un cielo diverso.
In Tv: RaiSportSat alle 20.30.