Bari, bufera in una scuola Bidello fa troppe assenze: solo 1 euro in busta paga

Troppe assenze da lavoro: dipendente di una scuola media superiore di Bari si ritrova con
una busta paga da 1 euro. Ma la malattia
invalidante è corredata da certificati medici. Ora il bidello fa causa alla scuola

Bari - Troppe assenze da lavoro, e un dipendente di una scuola media superiore di Bari si ritrova con una busta paga da 1 euro, nonostante la sua "malattia invalidante" sia corredata da certificati medici e persino l’Inps gli dà un assegno per questo. Ma l’istituto ignora e fa recapitare al dipendente l’irrisoria busta, tanto che il bidello, 59 anni, non va nemmeno a ritirare i soldi, va invece dall’avvocato fa causa alla scuola e all'Ufficio scolastico.

Busta paga da un euro La disavventura è ricostruita dal Corriere del Mezzogiorno: la storia del signor Cesa­reo, 59enne bidello impiegato in una scuola media superiore di Bari, comincia nel maggio del 2008, quando i medici gli diagnosticano una patologia invalidante e conta­giosa. I medici dell'Asl gli ordinano di re­stare a casa. Inoltre, semepre nel maggio 2008, l’uomo viene operato. Inizia la lunga degenza fino al giugno del 2009. Intanto, il 59enne si sottopo­ne ad un ciclo di terapie e invia a scuola i cer­tificati medici dovuti. L'estate del 2008, una visita ispettiva dell'Inps riconosce l'impossi­bilità per il 59enne di tornare a lavo­ro. Tutto in regola, ma a maggio 2009 la sorpresa in busta paga dove alla fine dell’elenco delle decurtazioni per malattia la somma corrisposta è un euro. Così il bidello, che vive al limite della povertà, si rivolge all’avvocato e fa causa all'istituto scolastico e sarà un tribunale ora a decidere.