Bari, incendiata l'auto di Barbara Montereale Video-scoop dell'Espresso: il premier che canta

Dopo essere stata cosparsa di benzina la Honda Jazz della ragazza - coinvolta nell'inchiesta della procura di Bari sulle feste a palazzo Grazioli - è stata data alle fiamme. <strong><a href="/a.pic1?ID=361650">L'ultimo video-scoop dell'<em>Espresso</em></a></strong>: Berlusconi mentre mangia e canta

Bari - Il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha ricevuto dal pm di Bari Desiree Digeronomo, una convocazione in procura, quale persona informata sui fatti, nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti nella sanità alla Regione Puglia. Intanto un incendio, secondo gli investigatori probabilmente di natura dolosa, è stato appiccato intorno alle 5 di stamane all’auto, una Honda Jazz, di proprietà di Barbara Montereale, la ragazza immagine ascoltata dai magistrati nell’ambito dell’inchiesta sulle feste nelle residenze del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

Bruciata l'auto di una teste Secondo quanto riferito dai carabinieri, qualcuno ha forzato lo sportello lato passeggero dell’auto, che era parcheggiata a Modugno, alle porte di Bari, in via Catania nei pressi dell’abitazione di Montereale, dando poi fuoco con liquido infiammabile; le fiamme hanno danneggiato l’abitacolo della vettura. Sul posto intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri. Barbara Montereale, insieme con Patrizia D’Addario e Lucia Rossini, partecipò alla cena che si tenne il 4 novembre scorso a Palazzo Grazioli, residenza romana di Silvio Berlusconi. A quella cena, alla quale partecipò anche Gianpaolo Tarantini, le tre ragazze avrebbero preso parte con ruoli diversi: D’Addario si sarebbe fermata per la notte, Rossini solo quale amica di Tarantini e Montereale con il solo ruolo di ragazza-immagine. Nell’inchiesta in corso a Bari il legale della ragazza, Daniela Castelluzzo, ha precisato ieri che Barbara Montereale non è nè indagata nè persona offesa e che è stata ascoltata un volta sola dagli inquirenti come persona informata sui fatti. Oltre che alla cena a palazzo Grazioli, Barbara ha raccontato di essere stata in Sardegna a villa Certosa e che in quella occasione il premier le fece regali in denaro e in monili.

Vendola convocato in procura Vendola dovrebbe essere sentito in particolare sull’indagine interna avviata e conclusa dalla Regione Puglia sugli appalti assegnati per la fornitura di attrezzature sanitarie al gruppo Tarantini. Vendola è attualmente in Canada e rientrerà in Puglia il 30 giugno. Dall’inchiesta sugli appalti nella sanità è nata la tranche d’indagine sulle feste nelle residenze del presidente del Consiglio. Era stato lo stesso Vendola, è detto in una nota della presidenza della Regione Puglia, ad avviare nei giorni scorsi un’indagine interna sulle vicende oggetto di un’inchiesta giudiziaria per la quale, nei mesi scorsi, l’assessore alle Politiche della Salute Alberto Tedesco si era dimesso dall’incarico. L’indagine, prosegue la nota, si è conclusa e il dossier è stato consegnato alla Procura di Bari dal successore di Tedesco, Tommaso Fiore. Proprio su questo dossier Vendola verrà sentito dal magistrato, "proseguendo l’attività di collaborazione intrapresa con i titolari dell’inchiesta".