A Bari il pacchetto-corruzione: paghi un esame ne superi tre

Se si includeva la laurea si poteva arrivare a quindicimila euro

Bepi Castellaneta

da Bari

Uno schedario con nomi e numeri di matricola degli studenti da contattare; un tariffario con le cifre da incassare corredato da offerte speciali con pacchetti all inclusive completi di tesi di laurea pronte per l'uso; e poi ancora: soldi scambiati in un corridoio o nascosti nei fazzolettini di carta e smistati al bar dopo quattro chiacchiere e un caffè, prestazioni a luci rosse in cambio di una promozione, una serie di intimidazioni per imporre un sistema che alimentava un vorticoso giro di denaro: è questo lo scenario che sta affiorando dalle indagini dei carabinieri, un vero e proprio terremoto giudiziario che sta facendo tremare l'università di Bari.
La nuova inchiesta diretta dalla pm Francesca Romana Pirrelli riguarda la compravendita di esami che si sarebbe trascinata per diverso tempo nella facoltà di Economia. Un autentico mercato gestito con criteri manageriali. Nulla veniva lasciato al caso: a ogni prova corrispondeva una cifra. Prendere o lasciare. Anzi in alcuni casi gli studenti venivano costretti a prendere a suon di minacce. «Se non paghi non ce la farai mai», era il ritornello scandito dai responsabili dell'esamificio. Secondo quanto emerso dalle indagini un ruolo di primo piano nell'affare lo avevano i bidelli, ma sono coinvolti anche funzionari amministrativi, un professore e un cultore della materia, finiti in un'inchiesta consolidata con intercettazioni, filmati, pedinamenti.
Per il momento gli indagati a vario titolo sono una decina, ma l'impressione è che sia solo l'inizio. Nella caserma del comando provinciale dei carabinieri che troneggia sul lungomare di Bari proseguono gli interrogatori. Il comandante del reparto operativo, tenente colonnello Vincenzo Trimarco, continua a mettere insieme i tasselli di un mosaico che diventa ogni giorno più inquietante.
Lo schedario sequestrato serviva ad annotare i nomi delle persone da contattare, soprattutto fuori sede, meglio se lavoratori e meglio ancora se stranieri; il tariffario era invece il listino prezzi degli esami: variava dai 500 ai 2.500 euro. Dipendeva dalla prova. Per quelle più difficili era necessario pagare di più o avvalersi dei pacchetti messi a disposizione dell'organizzazione: sei esami più tesi costavano 15mila euro. Le voci sullo scandalo di Economia erano diventate particolarmente insistenti già alcuni mesi fa.
I carabinieri nel giro di poco tempo sono riusciti ad approdare a una svolta: i militari si sono confusi con la folla in un corridoio della facoltà e hanno assistito alla consegna di 250 euro a un'impiegata amministrativa da parte di un bidello. I due sono stati denunciati. Un altro scambio di denaro è avvenuto in un bar della zona, dove lo stesso bidello si è messo in tasca mille euro sistemati da uno studente in un pacchetto di fazzoletti di carta.
Il nuovo capitolo dell'inchiesta è quello hard, sesso in cambio di promozioni: alcune ragazze sono già state ascoltate e avrebbero confermato l 'ipotesi dell'accusa precisando di non aver avuto scelta.