Le barricate «democratiche» sui Cpt liguri anti-clandestini

È già braccio di ferro tra governo ed enti locali liguri dopo le dichiarazioni del sottosegretario all’Interno, Michelino Davico che ieri, in prefettura a Genova, ha ribadito l’intenzione dell’esecutivo nazionale di aprire un centro per clandestini in ogni regione, Liguria compresa. Da La Spezia, la città destinata ad ospitarlo, non hanno tardato ad alzare barricate, insieme ai comunisti di Rifondazione, i quali non hanno esitato a parlare di «società carceraria e repressiva». Reazioni positive sono arrivate, invece, dalla Lega Nord. (...)