A Bartali medaglia d’oro al valor civile

Firenze. Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi consegnerà domani 25 aprile alla moglie di Gino Bartali, Adriana, la medaglia d'oro al valor civile per i meriti che il grande campione toscano ebbe durante il secondo conflitto mondiale. Bartali contribuì infatti a salvare dalla deportazione centinaia di ebrei e lui stesso subì angherie da parte delle autorità nazi-fasciste nel periodo 1943-1944. «È la prima volta che un'istituzione pubblica riconosce con una propria onorificenza l'attività svolta da Gino Bartali in tempo di guerra - ha commentato il figlio primogenito, Andrea - e ciò è molto importante perché rende omaggio ad un aspetto forse meno conosciuto di mio padre che va oltre la sua carriera sportiva». In vita Gino Bartali era stato nominato dal Quirinale Cavaliere e poi Grand'ufficiale della Repubblica.