Base Usa di Vicenza: Parisi smentisce Pecoraro

Roma - Non si placano le polemiche, a sinistra, sull'allargamento della base Usa di Vicenza. Nessun impegno è stato preso con le forze della maggioranza sulla vicenda della base. Lo afferma il ministro della Difesa, Arturo Parisi, replicando in una nota al ministro Alfonso Pecoraro Scanio. «Mi dispiace - afferma Parisi, in una dichiarazione - che in riferimento all'allargamento della base di Vicenza le dichiarazioni oggi attribuite su un quotidiano al ministro Pecoraro Scanio mi costringano a reiterare la smentita resa pubblica lo scorso 12 novembre quando in occasione della chiusura del congresso del suo partito aveva già evocato presunti impegni a contrastare l'aumento della presenza Usa. Come allora debbo infatti riaffermare - prosegue Parisi - che non esistono, nel modo più assoluto, impegni presi con le forze politiche di maggioranza riguardo all'eventuale insediamento di una base militare statunitense presso l'aeroporto Dal Molin di Vicenza». «La posizione e la linea di condotta del governo - sottolinea ancora Parisi, citando la nota emessa a suo tempo dalla Difesa - sono quelle già esposte pubblicamente e ripetutamente nella aule parlamentari. Se un impegno al proposito il Governo aveva dichiarato questo era ad assumere ogni decisione al riguardo sulla base del parere manifestato dalla comunità interessata attraverso gli organi e le procedure previste dall'autonomia locale».
Oggi a Vicenza visita dei senatori della commissione difesa alla base Dal Molin. E' previsto un incontro in Prefettura. La senatrice di rifondazione, Lidia Menapace, ha confermato: «Farò quello che mi chiederanno i comitati dei cittadini».