Basf accelera a Francoforte

L’improvvisa risalita dei prezzi del petrolio nel pomeriggio di ieri ha bloccato la Borsa di New York, anche se in chiusura il Dow Jones ha guadagnato lo 0,25% e il Nasdaq lo 0,18%. In luce i titoli assicurativi. Aig, uno dei trenta componenti del Nyse, sale dell’1,3%. Boeing guadagna il 3,6% dopo la notizia di un accordo preliminare che potrebbe mettere fine a un lungo sciopero. Sale di oltre il 3% anche Amd. A Francoforte miglior titolo del listino il colosso della chimica Basf (più 3%). In spolvero anche Sap (più 2,8%), Bayer (più 2,8%), DaimlerChrysler (più 2,75) e Munich Re (più 2,6%). A Parigi forte il comparto auto, con Peugeot e Renault che hanno chiuso in rialzo rispettivamente del 3,9% e del 3,6%. Sugli scudi anche Cap Gemini (più 3,5%), Eads (più 3,5%) e Alcatel (più 3,3%) su cui ieri Morgan Stanley ha avviato la copertura raccomandando di sovrappesare il titolo. A Londra in luce i titoli dei colossi minerari: Rio Tinto è salita del 4,4%, Bhp del 3,5% per cento.