Basket Gallinari e le star dell’Nba aprono il campo di Quarto Oggiaro

I giganti del basket americano in città. Più alti, grossi e tatuati di come sembrano in tv. Ma la notizia del giorno è che sotto quelle montagne di muscoli battono cuori d'oro. La prova l'abbiamo avuta ieri pomeriggio, quando quattro giocatori dei New York Knicks si sono presentati al parco Vivibile di via Lessona. In prima fila il padrone di casa, Danilo Gallinari (nella foto, ex Olimpia Milano), poi a ruota Toney Douglas, Bill Walker e Wilson Chandler. Li aspettava un incontro di quelli tosti. No, non quello con i nemici di Boston o Philadelphia. Piuttosto quello con 80 ragazzini della fondazione Laureus. Giovani di tutte le nazionalità, cresciuti in quartieri difficili di Milano e dell'hinterland, pieni di entusiasmo all'idea di poter anche solo palleggiare con i propri idoli. L'occasione era di quelle speciali: l'inaugurazione, grazie a Nba Cares e all’Adidas, del campetto di basket all'interno del parco in zona Quarto Oggiaro (a proposito di quartieri difficili…). Un playground nuovo di zecca che sarà teatro in futuro del progetto Midnight basket, che ha già riscosso enorme successo nel Bronx, a New York. L'onore del taglio del nastro è spettato a Gallinari, che ha sottolineato come «la pallacanestro abbia il potere di cambiare le vite delle persone in meglio». Un concetto ripreso anche da Alan Rizzi, assessore llo Sport. «Lo sport allontana i giovani dalle strade e iniziative come queste sono la risposta migliore per combattere il disagio giovanile sul territorio». Le star hanno giocato con i ragazzi e insegnato loro qualche trucco del mestiere. Domani sfideranno l'Armani Jeans al Forum di Assago.