Bass Desires, che musica con Scofield, Frisell e Erskine

Non è detto che quattro grandi musicisti possano costituire un grande quartetto, specie se ciascuno ha altri impegni, per cui le loro riunioni sono rare. Ci riferiamo a Bass Desires formato da Marc Johnson contrabbasso, Bill Frisell e John Scofield chitarre, Peter Erskine batteria. I cultori del jazz li conoscono perlopiù attraverso due dischi (Bass Desires e Second Sight); oppure per via di qualche concerto pescato chissà dove. Ieri sera i magnifici quattro sono approdati al Teatro Manzoni di Milano per Aperitivo in Concerto. Hanno suonato in modo stupendo, come se nelle loro carriere avessero soltanto lavorato insieme, e hanno fatto rivivere agli intenditori gli anni in cui Milano meritava la qualifica di città italiana del jazz. Johnson è maturato alla scuola di Bill Evans e lo si sente ancora; i due chitarristi, Frisell dolcemente western e Scofield con tentazioni jazz-rock, si integrano a vicenda; Erskine è un batterista che si trova a proprio agio in qualsiasi situazione, tanto nelle big band quanto nei piccoli complessi come Bass Desires.