Basso Piemonte nel segno della continuità

da Alessandria

Gli elettori dei cinque Comuni della provincia chiamati a rinnovare il sindaco hanno scelto. Il confronto più acceso, a Fubine (1683 abitanti), dove la consultazione è stata anticipata sui tempi per la scomparsa di Giovan Battista Baucia, è stato vinto dal vice uscente, il leghista Lino Pettazzi, alla guida della lista «Fubine insieme», che ha ottenuto 566 voti contro i 428 andati a Enrico Vergano, primo cittadino dal 1975 all'80, per la formazione «Fubine nel cuore» espressione del Pd e i 102 Pier Luigi Morbelli, per Rifondazione comunista. A Malvicino (121 abitanti) nell'Acquese alle 15,20 le urne hanno ufficializzato un risultato senza sorprese, eleggendo con 69 voti l'unica candidata alla guida del paese, Carla Cavallero in Curti, 57 anni, già amministratore, per la lista civica «Spiga di grano». A Montaldo Bormida nell'Ovadese, rimasto senza sindaco dopo la morte di Viviano Iazzetti, la sfida a due è stata vinta con 366 preferenze da Giuseppe Rinaldi, ex sindaco e vice uscente, per «Progresso Montaldese - Autonomia», veterano della politica in corsa per il settimo mandato, cui si contrapponeva Francesco Vercelli, di 71, originario di Beinasco (Torino), candidato per la Lista Pensionati. Sconfitta a Molino dei Torti (738 abitanti) nel Tortonese Anna Fantato in Soldini, 48 anni, alessandrina, per la lista «Concentrazione democratica», consigliere comunale uscente, in continuità con l'amministrazione di Renato Caldirola, che dopo due mandati non poteva più ripresentarsi: è stato infatti eletto (con 287 voti) Candido Meardi, per la lista «Insieme per Molino», già consigliere comunale a Garlasco e commissario Asl. Francavilla Bisio (459 abitanti) nel Novese ha invece riconfermato l'uscente Mario Mazzarello, sostenuto dalla lista delle Tre spighe di grano che con 196 preferenze ha battuto Tiziana Fioravanti in Parodi, di 49, tortonese, già assessore alla Cultura, dimissionaria dal 2005, in corsa per la lista Grappolo d'uva.