Bassolino spende pure i soldi dei successori: 9 milioni per il Barocco

Se mezza Italia si accontenta del mandorlato Balocco, in quel della Campania si fanno le cose in grande e a Natale si festeggia con il Barocco. Inteso come stile artistico, ovviamente. Barocco ricco, dato che la giunta Bassolino ha stanziato oltre 9 milioni di euro derivanti dai fondi europei per la promozione culturale della Regione in primavera. Un costoso «bis», dato che per il periodo invernale era già costata altri 10 milioni. Oltre a contestare l’opportunità di spendere 550mila euro - ad esempio - per stimolare «sensazioni barocche», il centrodestra campano contesta il fatto che in primavera Bassolino presumibilmente non guiderà più la Regione. Già, perché tra un «Artecard plus-Barocco» da 500mila euro e i 350mila delle «Emozioni di Pasqua», in primavera ci saranno pure le elezioni. E chiunque vinca si troverà a fare i conti con gli ultimi fuochi milionari del pirotecnico Bassolino.