«Basta figuracce, sarà un’altra Samp»

Rivoluzione blucerchiata. Walter Novellino rimescola le carte e lancia una Sampdoria diversa per la gara di questa sera a Marassi. Ancora l'Inter di fronte, c'è da dimenticare il tragico mercoledì di coppa Italia che ha sconsolato l'ambiente doriano. Il tecnico irpino ha affrontato a muso duro i suoi ragazzi, ha spiegato che cosa non gli è piaciuto e ha dettato il piano di guerra per affrontare la corazzata nerazzura con diversi cambi nella formazione iniziale.
Fabio Quagliarella, il suo posto in squadra, se lo è guadagnato ancora: «Vedrete un'altra squadra, un'altra Sampdoria - promette il bomber -. Non abbiamo certo intenzione di ripetere la stessa figura fatta in coppa, vogliamo giocarcela a testa alta contro una squadra composta da grandi campioni». Con Quagliarella in avanti Flachi, altro elemento che può fare la differenza con un po’ di fantasia, quella che potrebbe essere l'unica arma contro la quale opporsi ad una difesa che, anche tre giorni fa, è sembrata impenetrabile nonostante la Samp a tre punte. Un tandem d'attacco inedito per Novellino che rinuncia alla consueta torre, complice la scarsa forma di Bonazzoli e Bazzani: «Il mister ci comunica la formazione solo all'ultimo - racconta -, ma certamente se dovessimo giocare in coppia, con Francesco non mancherà l'intesa. Certo è una coppia diversa che sconvolgerebbe le attitudini del nostro modulo: senza la torre dovremo giocare palla bassa e rinunciare alle palle lunghe». In porta rientrerà Luca Castellazzi, l'altra novità sarà l'impiego in difesa dal primo minuto del giovane Alessandro Bastrini pronto per essere lanciato alla ribalta nel ruolo di terzino destro. Con lui rientra Giulio Falcone che al centro lavorerà con Sala e Zenoni a sinistra. A centrocampo Parola e Palombo sulla linea mediana, mentre sulle fasce opereranno Maggio e Franceschini.
Dure strigliate per l'atteggiamento avuto nella prima delle tre gare contro l'Inter da parte di Novellino: «Novellino si è arrabbiato - spiega Quagliarella -, ma arrabbiati lo siamo anche noi, vedrete un'altra squadra. Dovremo stare molto attenti sui calci piazzati e a non lasciare campo ai nostri avverarsi. L'Inter la squadra più forte? A me ha impressionato di più la Roma, ma quest'anno sono riusciti a fare gruppo e sono consapevoli della loro forza. Con gente come Ibrahimovic e Stankovic è facile fare la differenza».
Una curiosità riguarda Alvaro Recoba: l'attacante uruguagio dell'Inter è da anni accostato alla Samp, per il suo particolare legame con Walter Novellino che lo ha allenato ai tempi del Venezia. Ogni qualvolta si avvicina una sessione di mercato il suo nome viene accostato alla Sampdoria in una sorte di fantacalcio mercato visto che un'operazione del genere non potrebbe rientrare nella rigorosa politica imposta dal presidente Riccardo Garrone. El Chino, irritato perché anche durante questa stagione è messo ai margini, ha deciso di rientrare in Uruguay a fine anno chiudendo così anche le possibili voci di un trasferimento in blucerchiato. Sul fronte Inter in difesa giocherà Maxwell al posto di Grosso, in attacco coppia Adriano- Ibrahimovic.