Basta lanciare la croce sugli insegnanti

Sarebbe ora di dire basta, gli insegnanti non sono riconducibili a quelli sbattuti spesso in prima pagina dai quotidiani! Dopo gli anni in cui le cronache ci hanno dipinto come pessimi impiegati adesso un nuovo luogo comune sta prendendo piede, quello dell’insegnante mostro, dell’insegnante pervertito, dell’insegnante violento. Ci saranno anche questi insegnanti, ma di altra pasta è fatta la maggior parte di noi. Almeno tre impasti sono dominanti, scelgano i genitori e gli studenti quale preferiscono. C’è l’insegnante che ripone la sua autorevolezza nella cultura di cui è in possesso ed entra in classe ogni mattina buttandola nelle menti degli studenti, convinto che essi miglioreranno apprendendola; c’è l’insegnante che pensa di avere un grande compito moralizzatore, per cui si impegna in modo ammirevole affinché gli studenti apprendano le regole della convivenza civile; e da ultimo ci sono gli insegnanti come il sottoscritto, che entrano in classe armati della propria passione e puntando sull’umanità degli studenti. Questi sono gli insegnanti, delle persone che in modi diversi affrontano l’attuale situazione.