"Basta con le pellicce" Una legge in California ne vieterà la vendita

E' la vittoria degli animalisti che da tempo chiedevano ai commercianti di non venderle più. Ora i negozianti protestano anche sul web. <a href="http://www.ilgiornale.it/sondaggio_1a.pic1?PID=287" target="_blank"><strong>Decisione giusta? Di' la tua</strong></a>

Los Angeles - Le donne di West Hollywood, a pochi passi da Los Angels possono preparsi a dire addio alle pellicce. Una proposta di legge sta per chiudere la vendita dei soprabiti più preziosi per il mondo femminile. L'idea nasce dopo una lunga battaglia degli animalisti che ha convinto i legislatori dello stato della California. Le pellicce sono il frutto spesso di inaudite pratiche di allevamento e di torture per gli animali, hanno sottolineato gli animalisti. Ma come sempre questa decisione fa discutere. Subito si sono sollevate le proteste dei commercianti. I negozianti pensano che la decisone arrechi un grave danno all'economia.

Il provvedimento che vieta la vendita di pellicce sarà effettivo dal 2012. Polemiche anche sul web con pareri favorevoli al divieto ma anche tanti di protesta contro la decisione. Di sicuro la decisione di West Hollywood non è l'unica negli Stati Uniti che va ad incidere sulla vita degli animali. Già a San Francisco qualche mese fa era stata avanzata una proposta di legge per vietare la vendita di animali domestici di tutti i tipi, come cani, gatti, uccellini, criceti, pesci, topolini e serpenti. La legge nasce dalla proposta di evitare che i padroni abbandonino i loro animali dopo averli acquistati e inoltre anche per evitare il sovraffollamento degli allevamenti per la crescente domanda di animali da tenere a casa.