«Basta vie intitolate a comunisti»

da Varsavia

«Via i nomi dei comunisti dalle strade». Questa la nuova iniziativa intrapresa dal governo social-conservatore di Varsavia, guidato dal premier Jaroslaw Kaczynski, che mira a “ripulire” il Paese dal passato comunista. «Molte strade in Polonia sono intitolate a comunisti. Non può rimanere così - ha spiegato il premier nel corso di un intervento radiofonico -. Se le amministrazioni locali non provvederanno a modificare il nome delle vie, allora ci penserà il governo».
Questo mentre circolano voci, non confermate, che Kaczynski intenda anche abolire la festa del Primo maggio.