Battaglia in casa Di Pietro

Caro Di Pietro, «chi afferma di battersi per la giustizia dovrebbe avere il buon senso di non compiere ingiustizie». Ad attaccare il leader dell’Italia dei valori è Wanda Montanelli, responsabile del coordinamento donne del suo stesso partito. Una lotta intestina sfociata in una causa promossa dalla Montanelli con una richiesta di risarcimento per danno esistenziale pari a un milione di euro e per altri 600mila per mancati rimborsi. «Se potessero mi cancellerebbero dalla faccia della terra - lamenta la Montanelli -, i vertici di presidenza sono composti solo da uomini e su 43 parlamentari eletti 39 sono maschi». E, purtroppo per Tonino, domani deciderà sulla scottante materia un giudice donna, Maria Paola Gandolfi, del tribunale di Milano.