Battaglia ordina tagli del 30% sui ricoveri da Pronto soccorso

Nella foga di tagliare spese e servizi a ogni costo, per ripianare i disastrati conti del settore, l’assessore regionale alla Sanità Augusto Battaglia è arrivato al punto di decidere a tavolino la percentuale di ricoveri nei pronto soccorso. Sembra un’assurdità, ma è proprio così. Con una circolare urgente inviata il 27 novembre scorso ai direttori generali delle Asl, delle aziende ospedaliere, dei policlinici, degli Irccs e del 118, Battaglia invita tutti «a disporre, con decorrenza immediata, iniziative utili a favorire il ricovero dei pazienti da Pronto soccorso, limitando al 30 per cento il numero massimo di ricoveri di degenza ordinaria di elezione, con priorità dei casi più complessi e gravi e a fornire informazioni allo scrivente». L’oggetto della circolare parla chiaro: «Interventi straordinari per il decongestionamento dei pronto soccorso». E poi l’ultimo avvertimento: «È probabile che tale situazione si protragga per 1-3 mesi, cioè almeno fino al mese di febbraio del prossimo anno».