Battaglia sul Mose con Bruxelles

È partita il 19 dicembre scorso la lettera di messa in mora di Bruxelles al governo italiano per il Mose, il sistema antimaree per la laguna di Venezia, a causa dell’impatto ambientale. L’Italia ha ora due mesi per fornire alla Ue le delucidazioni richieste e, in mancanza di adeguate informazioni, potrebbe finire di fronte alla Corte europea di Giustizia. I verdi e la sinistra italiana hanno subito esultato parlando di bocciatura dell’opera. Ma il ministro dell’Ambiente Matteoli ha subito replicato: «Nessuna bocciatura, ma solo una richiesta di chiarimenti. Invieremo la documentazione».