Il «battesimo» di Motodays con la star Bayliss

Il pilota australiano, tre volte campione del mondo della Superbike, testimonial della manifestazione che si apre domani a Roma. Oltre 150 espositori in un'area di 30mila metri quadrati

Oltre 150 espositori, tra cui le più importanti aziende del settore motociclistico, e in mostra le novità del momento. Ma soprattutto un testimonial di eccezione, il pilota aystraliano Troy Bayliss, tre volte campione del mondo della Superbike. Si apre domani a Roma la prima edizione di Motodays, il Salone Moto&Scooter, che durerà cinque giorni. Tre i padiglioni dedicati, un'area espositiva interna di oltre 30.000 metri quadrati, spazi esterni riservati ai test dei veicoli e ai corsi di guida, oltre ad un'Area Show con 5000 posti a sedere e oltre 1 chilometro di pista tra asfalto e sterrato, dove si svolgeranno numerose prove sportive e le esibizioni dei campioni della Superbike, Supermotard e minibike. Primo fra tutti l'iridato Bayliss, il guest star della manifestazione che dovrebbe avere circa 70mila visitatori. Il pilota australiano sarà presente fin dal giorno dell'inaugurazione alle 14.30 al Palco Radio Globo del Padiglione 5 della nuova fiera. La sua presenza però, non si limiterà a questo, proprio perchè il carismatico pilota vivrà al 100% questo evento alla sua prima uscita. Firmerà autografi nelle giornate di manifestazione, oltre a incontrare il pubblico su un palco speciale insieme agli speaker di Radio Globo. Venerdì sarà la giornata dedicata alla sicurezza stradale: si terrà infatti un importante convegno (ore 10), «Il fare della sicurezza stradale». La Fmi organizzerà una dimostrazione di Crash Test, spazi di frenata e gli utilizzi corretti dei caschi di protezione. Inoltre, corsi e dimostrazioni di guida sicura, insieme all'esposizione delle moto di Valentino Rossi, Casey Stoner e Michel Fabrizio. Simpatia e beneficenza in moto con i colori della Lazio, una Honda Dn01 autografata dal presidente del club Claudio Lotito, e dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, oltre che da tutti i calciatori della squadra. La moto sarà venduta all'asta per raccogliere risorse per la Fondazione Gabriele Sandri.