Battisti, avviata la procedura di estradizione

Il sostituto procuratore generale ha aperto stamattina la pratica per riportare in Italia dal Brasile, dove è stato arrestato ieri, l'ex leader dei Pac. Il ministro della Giustizia Mastella assicura: "Tempi rapidi". La Corte europea dei diritti dell'uomo boccia il ricorso di Battisti

Milano - Il sostituto procuratore generale Nunzia Gatto ha cominciato stamani la procedura per ottenere l'estradizione di Cesare Battisti (ieri l'arresto a Copacabana). L'ex leader dei Proletari armati per il comunismo è stato arrestato in Brasile dopo tre anni di latitanza. Il ministro della Giustizia Mastella ha confermato "tempi più rapidi possibili" per l'estradizione. Intanto la Corte europea dei diritti dell'uomo ha riferito di avere dichiarato non ricevibile il ricorso di Battisti contro il decreto francese di estradizione del 2004.