Battuta la Francia Italia in finale nella Davis rosa

La Schiavone fa gli straordinari: prima batte la Golovin, poi con la Vinci si esalta nel doppio

da Castellaneta Marina

L’Italia del tennis campione del mondo si qualifica per la finale della Fed Cup 2007. Le azzurre hanno battuto la Francia di Amelie Mauresmo vincendo l’ultimo set dell’ultimo match. Francesca Schiavone e Roberta Vinci, dopo un’estenuante battaglia di doppio al limite dell’oscurità, hanno portato il punto della vittoria per 4-6, 6-1, 6-2. Nella presentazione dell’incontro due giorni avevo detto che ci sarebbe voluto un pizzico di fortuna. In verità c’è voluto di più! C’è voluto il cuore di quattro straordinarie campionesse che in uno sport squisitamente individuale hanno saputo creare un grande team. C’è voluta la passione di Corrado Barazzutti e l’impegno della federazione che nelle ragazze ha sempre creduto, ottenendo in cambio grandi risultati. La giornata decisiva si è risolta dopo otto ore e mezzo di gioco. Sotto il sole cocente e un calore infernale, 44 gradi. Ieri la prima a scendere in campo contro Amelie Mauresmo è stata Mara Santangelo, costretta a sostituire Tathiana Garbin infortunata a un piede. Mara ha giocato una stupenda prima partita contro la Mauresmo (7-6), poi è stata costretta alla resa per 6-0, 6-4. Il peggio è che la Santangelo ha subito un colpo di sole quindi, con la febbre alta, non ha potuto disputare il doppio. Sul vantaggio della Francia di due punti a uno Francesca Schiavone ha affrontato la Golovin. Francesca ha giocato una partita a dir poco strana. Ha vinto il primo 6-4. Ha ceduto il secondo per 6-2 e nel terzo si è inabissata 2-5 per risorgere e vincere 7-5. Da sottolineare che alla Schiavone sono stati chiamati circa 10 falli di piede. Unico giudizio che non può essere cambiato dall’arbitro. Un fatto che non ha precedenti al mondo, lo hanno ammesso anche i nostri avversari. Francesca ha vinto lo stesso e, dopo quel piccolo miracolo, sul 2-2, affiancata da Roberta Vinci, ha portato a casa il punto della vittoria nel doppio. Tre set giocati allo spasimo tra grandi incertezze. Il risultato è stato straordinario e bellissimo. Una gioia infinita. La Schiavone ha dimostrato di essere uscita da un periodo difficile che l’ha vista scivolare indietro in classifica. Mara Santangelo, dopo aver vinto il doppio in un Grande Slam, ha dato prova di essere anche un’ottima giocatrice di singolare. Roberta Vinci ha affermato: «La nostra è stata una vittoria sofferta. Una vittoria convincente e meritata. Siamo una squadra che ha confermato di possedere le qualità che servono per conquistare il titolo mondiale». Chi ha comprato il biglietto è rimasto affascinato da quel magnifico spettacolo.