Baudo: Re Mida Bonolis è stato troppo superbo

da Roma

«Le rivelo un retroscena: quando si cercavano i conduttori per Domenica In c’era un fuggi fuggi generale da quelle due ore contro Bonolis». Pippo Baudo rivela a Vanity Fair le trattative per la conduzione di Ieri, oggi e domani, lo spazio da lui diretto all’interno di Domenica In su Raiuno. «Io sono andato da Meocci e Del Noce e ho detto: accetto la conduzione solo se mi mettete contro Bonolis». Pippo non pensava di batterlo: «L’ho fatto per anzianità di servizio. Ho pensato che se c’era un peso da sopportare toccava a me». Bonolis quest’estate era il re Mida della tv, sembrava trasformare in oro qualsiasi cosa toccasse. «Credere di essere re Mida non fa mai bene, anche perché quel re fece una brutta fine. Bonolis ha peccato di superbia; nel nostro mestiere non ci sono mai certezze». Ha fatto male a lasciare Serie A: «Un presentatore è come un cuoco: una sera porti in tavola un piatto eccezionale, un’altra volta così così».