Baudo voleva chiudere la De Filippi. E lei lo doppia

Roma «E chi sarà mai questa De Filippi?»... Eccolo accontentato Baudo: l’altra sera ha visto bene chi è la regina dei cuori di Canale 5. C’è posta per te, lo show della conduttrice, ha quasi doppiato la modesta Serata d’onore di SuperPippo: quasi sei milioni di spettatori contro tre milioni e 300mila. Certo, Baudo non è un novizio della Tv ma quando parla si fa prendere un po’ dall’euforia, però difficilmente si può credere che pensava veramente di vincere contro quella che è ormai diventata una corazzata del sentimento. Venerdì scorso, giorno della presentazione alla stampa della sua Serata d’onore, Pippo ha usato toni accesi per conquistare titoli sui giornali e creare quelle polemiche che servono a raggranellare qualche spettatore in più. Resta il fatto che quando urli ai quattro venti: «Ma perché Confalonieri che critica la tv ansiogena non chiude quella che ha in casa e cioè gli show della De Filippi» e poi ti ritrovi con un pugno di spettatori in mano, non è proprio una cosa simpatica. Di contro, la De Filippi, che già di suo è restia a parlare, ieri non ha voluto replicare a Baudo con la forza dei dati. Certo, ogni volta si commenta che la sua (Amici, C’è posta e Uomini e donne) è una Tv trash, popolare, che va a cavalcare i peggiori o i più semplici istinti dello spettatore, la lite o l’amore, sta di fatto che questo pubblico in gran massa sceglie i suoi show. E Baudo che, in un momento di grave recessione economica, dedica tre ore di televisione alla moda, alle grandi firme, agli stilisti, ai vestiti che costano come lo stipendio di dieci operai, che si aspettava? «Voglio fare uno spettacolo elegante, pulito, senza dibattiti, senza lacrime per non vivere in maniera angosciosa il sabato sera. Anche nel varietà si può fare cultura alta», aveva spiegato in conferenza stampa». È finita che gli operai e le casalinghe si sono consolate con le storie lacrimevoli e angoscianti di coppie scoppiate o genitori e figli che alla fine si riconciliano.
Comunque, Baudo non se ne farà un cruccio. Ne ha passate tante, ha avuto momenti meravigliosi e altri più complicati. E, come dice il direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce: «Se i gatti hanno sette vite, Pippo ne ha 14 e se è in palla è capace di qualsiasi impresa. Non è una persona che si tira indietro, sente il gusto della sfida». Dunque, avanti con la sfida del sabato sera. In questa stagione, le ha vinte tutte la De Filippi che, prima di Pippo, ha battuto sempre Pupo e il suo «Volami nel cuore», più o meno con lo stesso risultato. Almeno il cantante, però, aveva messo le mani avanti e fin dall’inizio dichiarato di non mettersi assolutamente in competizione con Maria e di non pensare di batterla. Così ha realizzato il suo show carino. Ed è finita lì.