Baustelle, se la musica è un bel «cantiere»

Il trio toscano, d’adozione milanese, è ormai entrato fra i grandi del rock nostrano

Sarà il raffinato pop-rock d'autore dei toscani Baustelle a chiudere l'edizione del ventennale del Festival di Villa Arconati. Una scelta in linea con la filosofia degli organizzatori: no alle autocelebrazioni, sì ad un cartellone che abbia un occhio di riguardo verso il futuro.
E il futuro sembra sorridere alla cricca di Francesco Bianconi (voce, chitarra, tastiere), Rachele Bastreghi (voce, chitarra, tastiere) e Claudio Brasini (chitarra), l'ultima band in ordine di tempo alla quale sia riuscito il transito dal circuito rock alternativo a quello major.
In altre parole, il passaggio dalla cerchia dei cultori specializzati alle platee del grande pubblico.
Il cammino non è stato spedito: non dimentichiamo che i Baustelle (cantiere in tedesco) sono attivi dalla metà degli anni Novanta ed hanno avuto tutto il tempo di irrobustirsi nell'arco di tre album, prima di reclamare le giuste attenzioni degli appassionati e del mercato.
Quest'anno stanno riscuotendo ottimi riscontri sia con l'ultimo album «Amen» sia con il singolo «Charlie fa surf», un pezzo in alta rotazione radiofonica ispirato a un'installazione di Maurizio Cattelan (nella quale un bambino è inchiodato a un banco di scuola) e velato di satira verso i giovani «finti trasgressivi» di oggi.
La canzone esemplifica al meglio lo sguardo amaro e impietoso di Bianconi & C. sul mondo e sull'Italia di oggi. Una costante della produzione dei Baustelle, dove la musica (ricca di citazioni: colonne sonore italiane dei film italiani anni Sessanta-Settanta, dai polizieschi a Morricone, ma anche Lou Reed, Roy Orbison e Battiato), che sembra continuare ad aver fiducia in un buon ritornello azzeccato per funzionare, si scontra con una sorta di nichilismo dalla vena noir.
In concerto il trio di Montepulciano, ora trapiantato a Milano, salirà sul palco assieme a Ettore Bianconi (tastiere), Nicola Manzan (violino, chitarra, tastiere), Alessandro Majorino (basso) e Sergio Carnevale (ex Bluvertigo, batteria).
Baustelle
Villa Arconati, Bollate
domani, ore 21.30
ingresso 22/20 euro.