Bayrou dice no alla Royal e l’Ump gli lascia il seggio

da Parigi

Il leader centrista francese François Bayrou ha respinto la richiesta di aiuto della socialista Ségolène Royal e ha annunciato che per il secondo turno delle legislative non darà indicazioni di voto ai suoi elettori. Contemporaneamente, il partito del presidente Nicolas Sarkozy ha fatto sapere che gli lascerà campo libero per essere rieletto nel ballottaggio di domenica. La direzione dell’Ump infatti ha chiesto al candidato della seconda circoscrizione Pirenei-atlantici, Jean-Pierre Marine, di ritirarsi «per lasciare il posto libero» a Bayrou. «Non ci sono stati accordi né negoziati, è un gesto che l’Ump vuole fare verso François Bayrou», ha dichiarato il presidente del partito neogollista, Jean Claude Gaudin.
A due giorni dal voto che ha inferto un duro colpo alla sua nuova creatura politica, il MoDem, Bayrou in un’intervista a Rtl ha ribadito la sua «indipendenza». «Non darò ai miei sostenitori alcun consiglio su come votare. Non entrerò - ha dichiarato - in questi meccanismi. Non c’è bisogno di trattare con i socialisti, né con l’Ump». Il leader del MoDem aveva ricevuto ieri una telefonata dalla Royal in cui, l’ex candidata sconfitta alle presidenziali, sua sponte, irritando tra l’altro il suo compagno e segretario socialista, François Hollande, si è appellata a Bayrou affinché offrisse i suoi voti al Partito socialista per arginare la «valanga blu» dell’Ump di Sarkozy.
Il MoDem ha ottenuto al primo turno il 7,6 per cento, meno della metà dei voti (18,6%) che Bayrou ottenne a sorpresa al primo turno delle presidenziali. Bayrou, forte di un solo seggio sicuro - il suo dopo il «gesto» dell’Ump - nella migliore delle ipotesi riuscirà a ottenere in tutto quattro deputati nella XIII legislatura, che si insedierà il prossimo 26 giugno. Bayrou nella sua circoscrizione ha ottenuto il 37,25% dei voti, contro il 25,92 di Marine, il candidato dell’Ump «sacrificato» dai vertici del partito, e il 23,32 della socialista Marie-Pierre Cabanne. Il nervosismo tra le file dei socialisti ha giocato un brutto scherzo a Ségolène Royal che lunedì sera, ospite negli studi di France 2, ha perso la pazienza con un giornalista e ha accusato l’emittente di aver trasmesso «un reportage piuttosto scandaloso» a proposito del secondo turno a Bordeaux.