Bazar cinese all’ombra della Lanterna

Medicinali di origine cinese sequestrati, cibo scaduto, polli e uova provenienti dalla Cina importati clandestinamente, ma anche tre ambulatori medici clandestini (in uno dei quali, tra l' altro, si stava facendo una flebo un italiano) posti sotto sequestro. È questo il risultato della maxioperazione conclusa nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza di Genova, originata dopo il ritrovamento, nel porto genovese, di un container di prodotti alimentari cinesi scaduti destinati ad un magazzino a Brescia.
Secondo quanto appreso, nel magazzino di Brescia, perquisito alla fine di ottobre, i finanzieri genovesi hanno rinvenuto un biglietto con l' indicazione del tipo di un' auto (Peugeot), una data e la parola 'Genovaovest'. Alla data indicata, i finanzieri hanno fermato tutte le Peugeot che transitavano dal casello di Genova Ovest fino a quando non hanno trovato un cittadino cinese che sull' auto trasportava borse con il marchio contraffatto. Il cinese è titolare di un magazzino a Sestri Levante (Genova) che è stato perquisito: qui le Fiamme gialle hanno trovato un' ingente quantità di medicinali cinesi vietati in Italia.
L' esame dell' agenda telefonica del cinese ha portato la Finanza a cinque numeri di telefono attivi in alcune erboristerie e negozi di alimentari in provincia di Firenze. Ottenuto il mandato di perquisizione, la Guardia di finanza ha messo sottosopra i cinque esercizi commerciali scoprendo ancora cibo e medicinali illegali.