La Befana 2007 raddoppia il calendario degli eventi

Le celebrazioni durano per tutto il fine settimana

Nella capitale la Befana si vive al meglio grazie un ricco calendario di appuntamenti. Su tutto la classica passeggiata a piazza Navona nel tradizionale mercatino che proprio alla Befana è dedicato. Il teatro Mongiovino fino a domani ospita «Viene viene la Befana», festa con marionette degli Accettella: tra storie, filastrocche e canzoni, nel tentativo di portare i doni, la vecchina combina diversi guai, per uscire dai quali chiede aiuto al baby-pubblico. In premio per tutti, dolci e sorprese. Ricca l’offerta per oggi.
La Befana è protagonista di «Natale dell’altro mondo» a piazza Vittorio, con burattini e clownerie, oltre alla possibilità, per i più piccoli, di farsi fotografare con la simpatica vecchina. Ingresso gratis al Bioparco e, in regalo, il libro «Le favole del Bioparco», sei fiabe illustrate, ovviamente, sugli animali, e un’appendice con schede per conoscere meglio la specie di ognuno dei protagonisti.
«La befana vien di notte» è il titolo dello show pomeridiano al Teatro del Lido, con clown, cantastorie, istallazioni e ambientazione a sorpresa. Pomeriggio goloso al Teatro Tor Bella Monaca con «Ciocofesta»: tatuaggi, quiz e gag all’insegna del cioccolato, non mancano arti magiche, musica e balli. Inoltre, uno staff di esperti truccatori trasformerà i piccoli ospiti in personaggi da fiaba. Oggi si chiude «Energhia», manifestazione dedicata all’ambiente con laboratori e esibizioni di artisti di strada al Parco di Centocelle.
Nel programma dell’Epifania, animatori, trampolieri, clown, percussioni, truccatori, la rappresentazione «Ghirigoro» della Compagnia Materiaviva, che insegnerà ai piccoli alcuni segreti della giocoleria, e le animazioni «Bolle d’aria» e «Befana Gigante» della Compagnia Ruinart, con giocattoli «leggeri» e una Befana alta otto metri.
L’ingresso alle tre manifestazioni è libero. Per chi non si accontenta di un unico giorno di festa, ci sono diverse proposte da weekend. Il Museo Explora, da questa sera offre ai bimbi «Sleep Over, una notte senza genitori», pigiama-party culturale per andare alla scoperta delle tante attività didattiche del museo. Previsti spuntino notturno e colazione al risveglio. Nello stesso fine settimana, ma di giorno, Explora propone laboratori per la realizzazione della scopa della Befana e il riciclaggio della carta, letture animate a tema e le mostre «Alla scoperta dei suoni con tutti i sensi» e «La via Lattea».
Il Museo dei Bambini non è l’unico spazio espositivo ad occuparsi di loro durante la festa. I Capitolini diventano teatro di cacce al tesoro tematiche, nelle quali, divisi a squadre, i partecipanti devono cercare artisti, quadri o personaggi. La Centrale Montemartini ospita un laboratorio sul mosaico. Favole e colori sono gli strumenti in uso all’Ara Pacis per creare piccole opere sul tema della pace. Carrozze, ritratti, stemmi e l’eroe Achille, invece, sono temi di giochi didattici a Palazzo Braschi. Si chiudono, il 7, inoltre, le mostre «100 presepi» alle Sale del Bramante e «Giocare nel tempo», collezione di giochi antichi-soldatini, bambole, costruzioni, macchine, aerei - al Vittoriano.
Dai musei al teatro. Ludoteca artistica al Giardino dei Pulcini, in viale Tor di Quinto, con giochi, spettacoli, marionette e laboratori con la compagnia del Teatro San Carlino. Laboratori fino al 7 anche alla Casina di Raffaello, per realizzare con la plastilina un cortometraggio con la tecnica stop motion. Il teatro 7 ospita «Betulla, la strega ecologista», mentre al Vascello, il 6, debutta «Naso d’Argento», pièce per attrice, fisarmonica e «disegni» ispirata alla fiaba di Italo Calvino. Ultima replica, domani al Sistina per «Geronimo Stilton Super Show» e per i canti natalizi delle Voci Bianche di S.Cecilia all’Auditorium. Prosegue fino al 13 «Il paese dei colori», al Teatro Verde, che usa burattini e «ombre» per raccontare, attraverso la storia di cinque regni colorati, il valore della diversità. Per gli amanti dello sport, pattinaggio sul ghiaccio al Grinzing Village a Castel Sant’Angelo e alla Cavea dell’Auditorium.