La Befana va in barca vola con la teleferica e scala i campanili

La nonnina scomoda anche i paracadutisti della Folgore per portare doni a tutti i bambini

Se è vero che «la Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte...», come recita la filastrocca, è anche vero che a Genova la Befana vien dal mare. E anche quest’anno, per la nona volta, arriverà domani alle 15 al Porto Antico, davanti all’acquario, a bordo della coloratissima barca dei pompieri. È quanto ha organizzato l’associazione Marittimi Marina Mercantile che ha anche rifornito la Befana di ben 1.500 calze che saranno distribuite ai bambini. In ogni calza, oltre a leccornie varie, ci sarà un messaggio per i bimbi e le loro famiglie con la «filastrocca del bambino futuro».
Aspettando la Befana, sempre al Porto Antico, i più piccoli potranno divertirsi alla Città dei bambini. Sia nella giornata di domani, che in quella di domenica, dalle 12 alle 16 tra festa e scienza, una serie di esperimenti racconteranno ai bimbi tra i 3 e i 5 anni una storia che ha per protagonisti la Befana, i suoi doni e la sua scopa magica. Mentre la «strana» Befana mostra cosa accade quando mangia troppi dolcetti, i bambini scoprono i segreti della sua magica scopa che, muovendosi a comando, illumina e indica la strada alla famosa vecchietta.
Una vecchietta che forse la strada l’ha perduta davvero dal momento che ricorre addirittura all’Esercito per essere aiutata a portare i doni. Alle 14.30 di domani una task force della Brigata paracadutisti Folgore si calerà in corda doppia dalla ciminiera di Iperbimbo a Struppa (via Luigi Canepa 2r) per portare le calze ricche di doni offerti da Iperbimbo, Banca Carige e Biscottificio Rovegno. Anche gli adulti avranno la loro: gli Alpini, infatti, prepareranno vin brulè con cioccolata e panettone, mentre istruttori di roccia del Reggimento Alpini dell’Aquila assisteranno i bambini nella scalata di una parete di roccia artificiale.Comunicato Stampa
Alle 10 di domani al Luna Park di piazzale Kennedy la Befana dei Vigili del Fuoco atterrerà da un’autoscala alta 40 metri. Resterà invece impigliata al campanile della chiesa quella che per la decima volta farà visita a Sant’Olcese per lasciare la sua calza lunga lunga, da Giunness dei primati, di ben 35 metri. L’appuntamento è domani alle 14.30 poi via libera... tutti sono chiamati a svuotare la calza dei doni.
Chi sceglie il campanile, chi il verde di un parco, come la Befana che domani alle 15 si nasconderà tra le piante e i vialetti dell’Orto botanico Clelia Durazzo nel parco Pallavicini di Pegli. Un’occasione per i bambini di imparare a conoscere il mondo verde. Durante la visita merenda per tutti.
Ma la Befana viaggia anche in teleferica. Per crederci bisogna esserci, domani alle 15.30 in Porta Soprana, per una Befana che farà la spola tra le torri e la casa di Colombo, il tutto a cura dell’associazione culturale genovese Porta Soprana.
Il Teatro della Tosse ha invece scelto di celebrare l’evento Befana con la Compagnia del Piccione che domani alle 16 racconterà una storia che regala parole, musica, ma anche dolci per i piccoli spettatori. In scena lo spettacolo «Ashka della neve».
All’Istituto Don Bosco di Sampierdarena la festa della Befana domani mattina alle 10, preceduta alle 9.30 della celebrazione della Messa, sarà riservata ai figli dei dipendenti soci Cral nati dal 1997 al 2006. Tutti i bambini sono invitati a partecipare «armati» di tuta e scarpe da ginnastica, perché ci sarà modo di giocare nei campi di calcio e di basket.
Di calcio, è inevitabile, si parlerà anche all’Istituto Giannina Gaslini, dove in mattinata si recherà in visita la Befana blucerchiata. L’inizitiva del Sampdoria Club Mugnaini ormai è un appuntamento fisso per i piccoli ricoverati che dalla gerla della Befana raccoglieranno ciascuno una calza. Al Gaslini si ferma pure la Befana del Fiat 500 Club Italia, che sarà accolta dalla Gaslini Band Band del dottor Pierluigi Bruschettini. La 500 è piccola, mai i doni e i giocattoli saranno tantissimi.
A proposito di calcio e di Sampdoria, domani alle 19 si svolgerà la grande festa dei Fedelissimi Sampdoriani 1961 che approfitteranno dell’Epifania per celebrare il quarantacinquesimo anniversario di fondazione del club. Appuntamento alle 19 alla Sala Chiamata del porto.
Rapallo vivrà diversi momenti di questa festività. Già questa sera alle 21, nell’auditorium delle Clarisse, con il Galà dell’Epifania, una vetrina aperta sulle nuove generazioni della danza, organizzato da Euroart. Domani alle 11, poi, ai Bagni Lido, la Befana arriverà dal mare. Alle 15.30 ancora un concerto con il coro Canticum Novum nella chiesa di San Francesco, metre in piazza Cavour si svolgerà la Befana dei vigili. Tutto quanto sarà raccolto verrà devoluto in beneficenza.
Riso, carne in scatola e mangimi (ma anche offerte) saranno raccolti invece a Savona, domani dalle 8 alle 19 (angolo via Paleocapa-corso Italia), per la Befana degli animali promossa dall’Enpa.
Concerto dell’Epifania, domani alle 21, nella parrocchia di San Giovanni Battista a Loano, con l’orchestra da camera Elgar. Il concerto diretto dal maestro Franco Giocosa.
Sarà un «Notte stregata dalla Befana» quella di oggi, dalle 15.30 alle 24, nel centro storico di Finalmarina. I negozi tutti addobbati con scope, calze giganti e sacchi di carbone resteranno aperti per lo shopping. Dalle 16, nel piazzale dei Pescatori in lungomare Migliorini, giochi per bambini e, al tramonto, accensione dei falò sulla spiaggia e sfilata di barche illuminate. Domani alle 10 la banda finalese «Rumpe e streppa» scalderà con le sue note gli ardimentosi che prenderanno parte al cimento invernale di nuoto. Loro dalla Befana, più che una calza, all’uscita dall’acqua vorrebbero riocevere un bel maglione caldo.