Beffa Auto elettriche, un pieno di figuracce

Era l’antivigilia dello scorso Natale quando il Comune annunciava in pompa magna il proprio impegno sulla mobilità sostenibile, inaugurando la prima colonnina di ricarica elettrica in piazza Poch, a Sestri Ponente. L’iniziativa, straordinaria per la mentalità di sviluppo arretrata di Genova ma assolutamente tardiva e di poca consistenza nel panorama globale (basti pensare che città come Pisa e Firenze ragionano sull’installazione di centinaia di colonnine), prevedeva l’inaugurazione immediata di un centro di ricarica a Sestri Ponente (scelto per dare segnale importante dopo l’alluvione di ottobre) e la successiva installazione di altre undici colonnine entro l'estate e ulteriori sei entro la fine del 2011.
Nessun programma utopico, anzi, ma nonostante ciò sembra essere finito tutto nel dimenticatoio. La controprova sono le colonnine che sarebbero dovute essere state inaugurate, e che non si sono mai viste, in: via Vernazza, via Porta degli Archi, pazza Marsala, stazione Brignole, via Bixio (...)