Beirut, bomba contro auto dell'ambasciata Usa: 4 morti, 18 feriti

Un ordigno è esploso alla periferia Nord della capitale libanese. Il veicolo attaccato, una jeep blindata, è stata scagliato contro una vetrina: uno dei feriti era uno dei passeggeri statunitensi a bordo. Si pensa a un'autobomba

Beirut - Un’auto dell’ambasciata Usa a Beirut è rimasta danneggiata nell’attentato di questo pomeriggio alla periferia Nord di Beirut, che secondo un nuovo bilancio ha provocato almeno quattro morti e una 18 di feriti: uno di questi sarebbe un cittadino statunitense. Lo ha riferito la tv libanese Lbc. L’esplosione - probabilmente provocata da un’autobomba - è avvenuta alla periferia nord di Beirut, lungo la vecchia strada costiera, tra i quartieri di Dora e della Karantina. Si tratta di un’arteria molto trafficata, a ridosso della superstrada che conduce al porto di Junieh (25 km a nord di Beirut).

L'auto L’auto dell’ambasciata Usa, un fuoristrada, è stata scagliata dall’esplosione contro la saracinesca di un negozio nelle vicinanze del mobilificio "Sleep Confort". Dalle prime immagini trasmesse dalla tv libanese Lbc, il fuoristrada, che stava dirigendosi a nord di Beirut, sembra però non aver riportato danni particolari, molto probabilmente perché si trattava di un veicolo blindato. Sul luogo dell’esplosione, si scorge un’altra auto completamente carbonizzata, che probabilmente era stata imbottita di esplosivo per compiere l’attentato, e altri veicoli rimasti danneggiati.

Il bilancio si aggrava Sale a quattro morti, tutti di cittadinanza libanese, e 16 feriti il bilancio delle vittime dell’attentato nel quartiere Karantina di Beirut, dove hanno sede molte ambasciate straniere. Lo riferisce l’emittente satellitare al Jazeera, secondo la quale tra i feriti ci sarebbero un cittadino americano e uno iracheno. Non si conterebbero vittime tra il personale dell’ambasciata americana. La polizia libanese avrebbe fermato alcuni sospetti nella zona dell’attentato, dove sarebbe anche giunta da poco una delegazione dell’ambasciata Usa. L’attentato, la cui dinamica non è ancora del tutto chiara, ha colpito un’auto blindata dell’ambasciata di Washington.