Un bel tris, ma si ride poco

GRANDE GROSSO E VERDONE. Ambiziosa, temeraria commedia di Carlo Verdone che riesuma tre suoi antichi, popolari personaggi. Tutti decisamente incattiviti. Il candido Leo s’affanna per dare un degno funerale alla mamma; l’autoritario professor Callisto opprime il fragile figlio; il cafone Moreno porta la famiglia in vacanza in un hotel per vip di Taormina. Anche se il triplice protagonista è perfetto, si ride meno del previsto, la durata è eccessiva, impazzano macchiette e volgarità.