Belen crocerossina di Corona: "Presto sarà un bravo ragazzo"

"Sarà Corona il
padre di quel figlio che desidero da anni". La showgirl a tutto campo anche sul contratto con Tim e il rapporto con Elisabetta Canalis. E del suo fidanzato rivela: "Adesso ha anche preso la patente"

Roma - "Ci sto riuscendo. Sto facendo di Corona un bravo ragazzo". Belén Rodriguez, in un’intervista al settimanale Oggi in edicola, parla del suo rapporto con Fabrizio Corona, dell’amicizia-rivalità con Elisabetta Canalis, delle polemiche sul suo presunto flop come testimonial pubblicitaria. E del suo fidanzato rivela: "Adesso ha anche preso la patente".

"Adesso ha anche preso la patente" Belén torna a difendere il fidanzato, anche alla luce dell’ultima sentenza di condanna: «È una sentenza che non capisco. Fabrizio è stato assolto per alcuni episodi e condannato per altri. Ma tutta questa differenza tra un episodio e l`altro io proprio non riesco a vederla. O quel che ha fatto è reato oppure non lo è. Per me dava una mano a persone e amici, sorpresi a fare quel che non dovevano». E sarà Corona, dice Belén, il padre di quel figlio che lei desidera da anni: «In un certo senso, io madre lo sono già. È da quando ho 20 anni che mi porto dentro questo figlio immaginario. Sono perennemente incinta. È il più grande dei miei desideri». E poi conclude: «Di mamma ce n`è una sola e di papà pure, Fabrizio Corona».

Voci su Tim «Basta scandali, soprattutto se non ce ne sono. Chiunque firmerebbe a vita con Tim, ma tutti i testimonial prima di me sono durati un anno e mezzo e bisogna accettare la fine di un ciclo. È stata comunque un`esperienza eccezionale. Tim mi ha fatto entrare nelle famiglie italiane con una serie di spot puliti, senza nessuna volgarità, anche se c`è sempre chi la trova dove non c`è», dice Belén.

Dualismo con la Canalis La Rodriguez non pensa ci possa essere rivalità con la Canalis. «Di Elisabetta mi piace la voglia di vivere e sono sicura che insieme lavoreremo molto bene. Sarà dura, uno stress pazzesco. È con la collaborazione, non con la competizione, che vinceremo questa sfida».