Belgrado riafferma la sua sovranità sul Kosovo

Belgrado. Il Parlamento serbo ha votato ieri una nuova risoluzione sul Kosovo. Con 217 voti a favore e 12 contrari, Belgrado ha riaffermato la propria sovranità sulla provincia separatista a maggioranza albanese del Kosovo, e non cederà alle rivendicazioni indipendentiste della comunità albanese. Gli Stati europei del “Gruppo di contatto“, che include Usa, Russia, Germania, Francia, Regno Unito e Italia, hanno insistito alla riunione tenutasi ieri a Vienna perché i nuovi negoziati tra Belgrado e Pristina sul futuro del Kosovo abbiano una scadenza fissa di «circa 120 giorni». Dopo un anno di trattative, il piano del capo negoziatore dell’Onu, Martti Ahtisaari, è stato accantonato per evitare il veto della Russia, storica sostenitrice della Serbia. I nuovi negoziati sono stati quindi affidati al Gruppo di contatto.