La bell’Italia di Giustino Chemello e Massimo Listri

Si inaugurano domani alle 19.30, a Palazzo Reale, le personali di due apprezzati fotografi italiani. Si tratta di Massimo Listri e Giustino Chemello. Il primo, fondatore con Vittorio Sgarbi della rivista FMR nel 1981, è specializzato nella documentazione delle belle arti e dell'architettura e ha esordito giovanissimo con una serie di straordinari ritratti in bianco e nero dedicati a grandi personaggi del Novecento: Montale, René Clair, Carlo Bo, Pier Paolo Pasolini, Federico Zeri. Giustino Chemello invece è un autore di origine vicentina che cerca nel paesaggio le emozioni da regalarci. La sua mostra, a cura di Marco Cavalli, si intitola «Noi siamo qui ma non ci siamo»: una quarantina di scatti ritoccati da manomissioni pittoriche che esaltano i colori e modificano la relazione tra figura e sfondo. Sono spiagge, marine, metropoli snaturate fino a diventare non luoghi. Le due esposizioni rientrano nel programma della grande stagione della fotografia voluta dal Comune di Milano per celebrare i massimi maestri dell’obiettivo. I cataloghi sono editi da Federico Motta Editore. Aperte fino al 30 marzo. Info: tel. 02.30076255.