«Bella ciao» fuori dalla psichiatria: protesta davanti a Palazzo Marino

Approda in Municipio la protesta contro l’internamento in un reparto psichiatrico di Giorgio D.C., meglio noto come «Bella Ciao», l’uomo che da oltre un anno suonava la fisarmonica davanti al tribunale. Contro il ricovero di «Bella Ciao»; avvenuto su ordinanza dell’assessore Lucia Castellano, è in corso una raccolta di firme, e ieri il banchetto della petizione è arrivato davanti a Palazzo Marino. La fisarmonica e le invettive di «Bella Ciao» erano innocue, anche se rivolte contro magistrati più o meno importanti, sostengono i firmatari della petizione.
L’assessore Castellano si limita a replicare che «le ragioni del ricovero le conosce il medico» che lo ha richiesto, e che la firma da parte del sindaco o di un suo delegato «è un atto dovuto». Ma sta di fatto che «Bella Ciao» è stato prelevato da una pattuglia della polizia locale davanti al Palazzo di giustizia e trasferito nel reparto psichiatria del Fatebenefratelli senza che fossero stati segnalati atti da parte sua di violenza o di intemperanza.