La bella favola dei Beatles raccontata sotto l’albero

Il mito dei Beatles non muore mai. E non è un affare solo per nostalgici. Altrimenti non si spiegherebbe il successo di vendite dell'ultime novità discografiche riconducibili ai «Fab Four»: nel dettaglio, la raccolta completa dei dischi rimasterizzati in digitale per la prima volta, nonché il videogioco «The Beatles: Rock Band», suggestiva trovata per ripercorrere la storia della carriera di Lennon, McCartney e soci suonando e cantando con loro, dal debutto nel Cavern Club di Liverpool al loro ultimo concerto sul tetto della Apple. Chicche che a Natale assurgono a regali appetitosi e graditissimi. E, guarda caso, «Natale con i Beatles» è il titolo della singolare manifestazione a ingresso libero in programma alla Palazzina Liberty di largo Marinai d’Italia (per informazioni: 02-95409482 - 331-6085877, la sera di Santo Stefano (dalle 20.30) e il giorno successivo (dalle 11).
A promuoverla, Emilio Sioli e l'Associazione delle Arti e delle Corti, con il contributo dell'assessorato alla Cultura della Provincia e il sostegno dell'assessorato allo Sport e tempo libero del Comune di Milano. «A Natale i Beatles realizzarono singoli da regalare agli iscritti del “fan club“ e diedero concerti passati alla storia. Di più: 42 anni fa incisero pure una celebre canzone natalizia "Christmas Time (is here again)". E l'amore per il Natale non ha abbandonato i baronetti di Sua Maestà nemmeno dopo la traumatica separazione. Basti menzionare "Happy Xmas (war is over)", hit che è diventata uno dei capolavori di John Lennon e pure una delle canzoni natalizie più popolari e amate di sempre», spiegano gli organizzatori. Di qui, lo spunto per un progetto multimediale concentrato di video-rarità, incontri, dibattiti, mostra-mercato di oggettistica, gadget e memorabilia (curato dalla Casa Editrice Salani e dall'Associazione Beatlesiani Associati d'Italia), presentazioni di libri (menzione speciale per The Beatles Italian Tour di Luigi Luppola e Alberto Durazzi, edito da Coniglio Editore, con le immagini e le testimonianze della tournée che il quartetto di Liverpool fece nel giugno 1965 a Milano, Genova e Roma) e, dulcis in fundo, di un paio di testi teatrali in prima rappresentazione nazionale.
A questo proposito, sabato sera l'attrice-autrice Lucilla Giagnoni leggerà un adattamento del libro su John Lennon scritto dalla sua prima moglie Cynthia, che condivise con il marito il periodo forse più folgorante della sua carriera musicale, mentre la sera successiva l'attore e regista Corrado D'Elia sarà alle prese con «Macca - musica per un Beatle, solo», un testo di Allan Williams incentrato sul risentimento di Paul McCartney dopo la rottura della band, sul dolore per la morte di Lennon, ma anche sulla volontà di rinascere come musicista in proprio. Ideale e inevitabile contrappunto alla forza delle parole gli echi di alcune «rarities» dei Beatles: sia musica sia frasi rubate durante le interminabili session di registrazione negli studi londinesi di Abbey Road.