La bella Rachel ostaggio del terrorista ad alta quota

Il Male, questa volta, non indossa una maschera, non ti insegue da una stanza all'altra con un coltellaccio, né gli puoi sfuggire dandotela a gambe. Dalla saga di Scream al thriller Red Eye tutto cambia: il guru del brivido Wes Anderson mantiene il suo sapiente occhio cinematografico, però riduce spazio e violenza a favore di una storia dove suspense e claustrofobia vanno a braccetto. Ne nasce un film dalle pretese non eccessive (a cominciare dal budget) e proprio per questo in grado di stupire: il sapore sarà anche da film per la tv, ma alzi la mano chi ha la forza di spegnere il piccolo schermo prima del finale. La paura va in scena a bordo di un volo che dovrebbe riportare la graziosa Lisa (Rachel McAdams) a casa da papà (Brian Cox): un fascinoso vicino di poltrona (Cillian Murphy) dapprima tranquillizza la ragazza che ha paura di volare, poi le sibila nell'orecchio la sua missione terroristica. Di colpo, e senza possibilità di fuga, Lisa diventa ostaggio ed esca per un omicidio politico. L'intelligenza e... una biro (usata «chirurgicamente») faranno vincere, come d'auspicio, i buoni. Il dvd offre audio Dolby Digital 5.1 in italiano e inglese, sottotitoli analoghi e ottimi extra: commento audio al film del cast tecnico, un making of, papere dal set e intervista al regista.

RED EYE - Universal - Euro 22,50